Ciudadana – Romeo Santos: traduzione e testo canzone

Romeo Santos – Ciudadana: traduzione e testo canzone

 

 

Ciudadana è una canzone di Romeo Santos contenuto nell’album Formula, Vol. 3.

Di seguito trovate il testo e la traduzione della canzone:

Leggi anche —> Formula, Vol. 3 – Romeo Santos: Testo e traduzione di tutte le canzoni canzoni dell’album

testo

El vuelo está programado pa’ las 12
En diez horas aterrizo en tu país
Ese mismo hotel antiguo de aquella noche
Tengo fe de nuevamente verte ahí

Sabes que por ti le invento cuatrocientos días al calendario
Mañana a las 12 y media nos estamos devorando

“Amor”
Esas cuatro letras marcan tu destino
Apartados, sin embargo, tan unidos
Esto es tan especial
Maldigo la distancia, yo prefiero estar contigo
Esa magia, ese poder que hay en tus manos
Muy absurdo el que estemos separados
Pero la vida es así
Ya te negaron la visa y me tiene atormentado

Oh-oh-oh-oh
Oh-oh
No, oh
Uh-uh-uh

Si alguna vez vas a contar nuestra historia
Deja claro que te amé
No hay pasaporte ni una ley que se oponga
No hay gobierno que nos pueda vencer
Amar es poder

Maldita tiranía y sus condiciones
La causa de que estés lejos de mí
En La Habana, donde nos dimos amores
Alejados, destinados a sufrir

Sabes que por ti le invento cuatrocientos días al calendario
Mañana a las 12 y media nos estamos devorando

“Amor”
Esas cuatro letras marcan tu destino
Apartados, sin embargo, tan unidos
Esto es tan especial
Maldigo la distancia, yo prefiero estar contigo
Esa magia, ese poder que hay en tus manos
Muy absurdo el que estemos separados
Pero la vida es así
Ya te negaron la visa y me tiene atormentado

Damas y caballeros, les voy a [?] la bienvenida a La Habana, Cuba

En unas horas te veo a solas
¿Cómo aceleramos el tiempo?
Que las olas sean testigo
Que ya eres ciudadana de mi cuerpo

traduzione

Il volo è previsto per le 12
Tra dieci ore atterro nel tuo paese
Quello stesso vecchio hotel di quella notte
Ho fede di vederti di nuovo lì

Sai che per te invento quattrocento giorni al calendario
Domani alle 12:30 ci stiamo divorando

“Amore”
Quelle quattro lettere segnano il tuo destino
Distanti, eppure così uniti
questo è così speciale
Maledico la distanza, preferisco stare con te
Quella magia, quel potere che è nelle tue mani
Molto assurdo che siamo separati
Ma la vita è così
Ti hanno già negato il visto e questo mi tormenta

Oh oh oh oh
Oh, oh
no oh
Eh eh

Se mai racconterai la nostra storia
Metti in chiaro che ti ho amato
Non c’è passaporto né una legge che si opponga
Non c’è governo che possa sconfiggerci
l’amore è potere

Maledetta tirannia e le sue condizioni
Perché sei lontano da me
All’Avana, dove ci siamo dati amore
Lontano, destinato a soffrire

Sai che per te invento quattrocento giorni al calendario
Domani alle 12:30 ci stiamo divorando

“Amore”
Quelle quattro lettere segnano il tuo destino
Distanti, eppure così uniti
questo è così speciale
Maledico la distanza, preferisco stare con te
Quella magia, quel potere che è nelle tue mani
Molto assurdo che siamo separati
Ma la vita è così
Ti hanno già negato il visto e questo mi tormenta

Signore e signori, vi do [?] il benvenuto all’Avana, Cuba

Tra poche ore ti vedo da solo
Come acceleriamo il tempo?
Lascia che le onde testimonino
Che sei già cittadino del mio corpo

 

 

 

 

 

 

 

 

Arianna

Appassionata di musica e televisione, su questo sito tratterà principalmente questi argomenti, insieme all'Oroscopo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *