Per starci in due – Nashley: testo singolo

Nashley – Per starci in due: testo singolo

 

Per starci in due è un singolo di Nashley.

Di seguito trovate il testo del singolo:

testo

[Strofa 1]
Ricordo quella sera in macchina tra pioggia ed alcol
Gli ultimi due pensieri in testa prima dello schianto
Ricordo me, ricordo te, l’odore dell’asfalto
Siamo dei corpi da riempire, siamo un foglio in bianco
Ma tu mi strappi il cuore, mantide, sulle mie lacrime
Ci balli battendo le scarpe come le pozzanghere
E lasci solo le tue briciole tra le mie mani
Nei tuoi occhi bianchi non c’è l’anima, Modigliani
È solo un altro giorno infame senza l’aria dentro
Ricordo ma’, ricordo pa’ quel vecchio appartamento
Al terzo piano di Via Kennedy era così freddo
Mi chiedo sempre se provarci ha ancora qualche senso
La morte mi ha baciato in fronte come un tradimento
A tredic’anni un po’ di barba davanti allo specchio
Anche se non me l’hai insegnato l’ho fatto lo stesso
Quando avrò un figlio come padre farò molto meglio

[Pre-Ritornello]
E farò molto meglio, farò molto meglio
Perderò la testa per trovarmi un po’
Questo male fermo è come un mare dentro
Vorrei avere le ali come un albatro
Senza mai cadere giù, giù, giù, giù, giù, giù, giù, giù, giù, giù, giù
Senza mai cadere giù, giù, giù, giù, giù, giù, giù, giù, giù

[Ritornello]
Io che non ho mai avuto niente
Troverò sempre le porte chiuse
Sotto la tua giacca di pelle
Se mi fai spazio, ci stiamo in due
Io che infondo sono così fragile
Tu così forte da infrangermi
Siamo così bravi a perdere
Da non ricordarci di piangere
Tu che non hai mai avuto niente
Per cui restare hai trovato scuse
Sotto la tua giacca di pelle
Ormai non c’è spazio per stare in due
È che pensavo fosse più facile
Credere a quello che immagini
Siamo così bravi a perdere
Da non ricordarci di piangere

[Strofa 2]
Le mie spalle contro il muro, le tue mani in faccia
Ieri era una serataccia
Ho camminato non so quanto, in questa città marcia
Forse quello che non ho è quello che non mi manca
E forse quello che mi serve è già nelle mie tasche
Quindi, cosa continuo a cercare?
Forse una donna che mi culli un po’ come una madre
Forse qualcuno che non scappi e resti ad aspettare
È solo un altro giorno infame senza l’aria dentro
Tutta cambia con il tempo e in quell’appartamento
Ora c’è padre con un figlio ed un camino acceso
Così da non poter sentire mai più nessun freddo
Io non so cos’è l’amore però so di certo
È l’odio che ci tiene assieme è che mi tiene stretto
Ho imparato cos’è meglio quando ho fatto peggio
Vorrei capire quanto vali prima che ti perdo

[Pre-Ritornello]
E farò molto meglio, farò molto meglio
Perderò la testa per trovarmi un po’
Questo male fermo è come un mare dentro
Vorrei avere le ali come un albatro
Senza mai cadere giù, giù, giù, giù, giù, giù, giù, giù, giù, giù, giù
Senza mai cadere giù, giù, giù, giù, giù, giù, giù, giù, giù

[Ritornello]
Io che non ho mai avuto niente
Troverò sempre le porte chiuse
Sotto la tua giacca di pelle
Se mi fai spazio, ci stiamo in due
Io che infondo sono così fragile
Tu così forte da infrangermi
Siamo così bravi a perdere
Da non ricordarci di piangere
Tu che non hai mai avuto niente
Per cui restare hai trovato scuse
Sotto la tua giacca di pelle
Ormai non c’è spazio per stare in due
È che pensavo fosse più facile
Credere a quello che immagini
Siamo così bravi a perdere
Da non ricordarci di piangere

[Outro]
Ma non perdiamo ma

 

 

 

 

 

 

 

 

Arianna

Appassionata di musica e televisione, su questo sito tratterà principalmente questi argomenti, insieme all'Oroscopo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *