Bastava la metà – Ernia, Gaia, Guè: testo singolo

Ernia, Gaia, Guè – Bastava la metà: testo singolo

 

 

Bastava la metà è un singolo di Ernia con Gaia, Guè contenuto nell’album Io non ho paura.

Di seguito trovate il testo del singolo:

Leggi anche — > Ernia – Io non ho paura: testi di tutti i singoli dell’album

testo

[Intro: Gaia]
Io mi accorgo adesso che
Di quello che mi hai dato
Forse bastava la metà

[Strofa 1: Ernia]
Il calendario sul muro segna novembre
L’anno non è il corrente
Io faccio la prima, è il duemilasette
Guardo la mia città tra le gocce sulle finestre
Prima delle sveglie prego per sogni d’adolescente
E Milano fammi cieco ad ogni occhio
Rendimi muto se quando vedo poi c’ho voglia di parlar troppo
Per quando scappo mostrami i sentieri
Dammi la fame di quei due figli che son figli di stranieri
Quando mi accerchiano nascondi i brividi, еvitami gli spigoli
Incolla le mie nocche ai loro zigomi
Fai dura la pеlle dei miei fratelli
E a chi ce l’ha con noi devi smussare le lame dei coltelli
Rendimi impenetrabile al giudizio
Sussurrami all’orecchio degli imboschi, fa che io veda un indizio
Dimmi ogni tuo racconto se son via
Perché temo di non farcela
Però se ce la faccio sarai mia

[Ritornello: Gaia]
Io mi accorgo adesso che
Di quello che mi hai dato
Forse bastava la metà
E me accorgo adesso che il tempo si è fermato
E sembra vuota la città
Non si può tornare indietro, è la verità
Me ne accorgo adesso che bastava la metà

[Strofa 2: Guè]
G-U-È
Yeah
Pensavo non l’avrei mai conquistata (Mai)
Come una donna che è impossibile ed altolocata (Ah-ah)
Ma dopo la lancetta ha messo il turbo
Ho fatto veni, vidi, vici
Il suono della city, io il demiurgo
Emozioni che ho provato nei paraggi
Scuoterebbero al tal punto che ti cadrebbero i tatuaggi
Inizialmente i soldi erano solamente dei miraggi
Vivendo faster gli hustler erano gli esempi saggi
Metti che morissi domani, qua la mia donna Pregherebbe, sì, delle madonne elettriche
Ma avrò il duomo nelle pupille, Charas nelle papille
Immunizzatomi all’amore, metropoli sulle spalle
In chiesa faccio sparring, esiste un paradiso per gli zarri
Milano è tutta white come Barry
Non riesco ad addormentarmi
Ci scommetto un Keith Haring
Sono tutte bugie quelle che narri (O no?)

[Outro: Gaia]
Io mi accorgo adesso che
Di quello che mi hai dato
Forse bastava la metà
E me ne accorgo adesso che il tempo si è fermato
E sembra vuota la città (Sembra vuota la città)
Non si può tornare indietro, è la verità (Non si può tornare indietro)
Me ne accorgo adesso che bastava la metà

 

 

 

 

 

 

 

 

Arianna

Appassionata di musica e televisione, su questo sito tratterà principalmente questi argomenti, insieme all'Oroscopo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *