Come finanziare regolarmente le attività di una Onlus

 

Le donazioni rappresentano una risorsa vitale per le Onlus, cioè tutte quelle Associazioni, Fondazioni, Enti, Società Cooperative e di volontariato e Organizzazioni Non Governative (ONG) di carattere privato, che operano senza scopo di lucro e senza alcun tipo di profitto personale (no profit), con la sola finalità di favorire, supportare e aiutare soggetti svantaggiati, sia in Italia che all’estero (aiuti umanitari).

Le donazioni servono a sostenere i progetti gestiti dalle Onlus, permettere programmazione e realizzazione delle varie attività previste, supportare i volontari e garantire le risorse finanziarie necessarie per disporre di persone, beni e strumenti utili per rendere più efficace la gestione operativa e raggiungere gli obiettivi.

Tra le varie tipologie possibili, una delle più importanti è la donazione mensile: si tratta di un contributo economico ricorrente e regolare, della cifra che si desidera, che permette alla Onlus che lo riceve non solo di pianificare al meglio e a lungo termine il proprio lavoro, i propri interventi e il proprio futuro (solitamente aggiornando ogni mese il sostenitore su come vengono utilizzati i fondi donati), ma anche di poter intervenire tempestivamente in caso di necessità.

La donazione mensile, che può essere effettuata tramite addebito mensile sul conto bancario/postale oppure su carta di credito, non è fissa: in ogni momento il donatore può infatti cambiare non solo l’importo, ma anche la frequenza, per adattarli alle proprie possibilità.

Donazione mensile alle Onlus: benefici fiscali e vantaggi

Le donazioni mensili alle Onlus garantiscono importanti benefici fiscali, permettendo di poter scegliere se dedurre o detrarre l’importo donato.

Nel primo caso, si possono dedurre le donazioni (in denaro o in natura erogate) dal reddito complessivo netto, fino al 10% del reddito complessivo dichiarato. Nel secondo, si può detrarre dall’imposta lorda sul reddito delle persone fisiche per un importo pari al 30% degli oneri per le donazioni (in denaro o in natura), per un importo complessivo in ciascun periodo d’imposta non superiore a 30.000 euro.

Per avere accesso a queste agevolazioni, è obbligatorio conservare la documentazione (per attestare l’ufficialità delle donazioni) ed effettuare le donazioni in modo che siano rintracciabili (bonifico, carta di credito o assegno) e mai in contanti. I due benefici fiscali non sono cumulabili, a eccezione di donazioni a Organizzazioni di volontariato o di promozione sociale.

Come si attiva la donazione mensile?

Attivare una donazione mensile a una Onlus di propria scelta è molto semplice e si può fare direttamente online, recandosi sul Sito Web dell’Ente.

Per prima cosa bisogna scegliere la frequenza della donazione, selezionando l’opzione mensile, regolare o ricorrente (a seconda delle soluzioni disponibili). Dopo di che, è necessario indicare l’importo scegliendo tra quelli presenti o inserendo la cifra su misura che si desidera donare. Compilati i dati anagrafici, si deve impostare la modalità di pagamento tra domiciliazione bancaria o postale, carta di credito o, dove possibile, Satispay, Google pay, Apple pay e PayPal.

La donazione mensile non è fissa né soggetta a obblighi. In qualsiasi momento è possibile modificare l’importo, cambiare la frequenza, così come si può comunicare in modo rapido e facile eventuali variazioni dell’IBAN e della carta di credito o sospendere e revocare la donazione.

Donazione mensile: come funziona per le Aziende

La donazione mensile è un’opzione fruibile anche dalle Aziende, con procedura uguale a quella valida per le persone fisiche (scegliere l’importo, la frequenza desiderata e la modalità di pagamento).

Anche le donazioni delle Aziende sono deducibili: grazie alla Riforma del Terzo settore, la deducibilità si applica fino a un massimo del 10% del reddito complessivo dichiarato, senza limiti assoluti. In caso di reddito complessivo dichiarato decurtato da altre deduzioni, l’Azienda può dedurre quanto non utilizzato negli anni successivi, fino al quarto anno dopo la prima dichiarazione.

 

 

 

 

 

 

Ilaria

Diplomata al liceo scientifico e laureata in fisioterapia, ha la passione per le serie tv, la cucina e le recensioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *