Daniele De Martino – Me so purtate a tua figlia: testo e video canzone

Daniele De Martino Ft. Gianni Vezzosi – Me so purtate a tua figlia: testo e video canzone

 

 

Me so purtate a tua figlia è la canzone di Daniele De Martino con Gianni Vezzosi.

Di seguito trovate il testo della canzone:

Testo

Nun te preoccupà vatt a cuccà
che tua figlia, sta’ bene, sta’ qua
ormai è tard pe t’ò raccuntà
poi riman t’ò pozz spiegà
Ma chi sij ca’ m parl accussì
sto cercann buon e t capì
si sij chill ch sto pensann ij
scuordatell nun si cosa mij
Ormai è fatt e nun ce può fermà
Entro un’ora te vogl a sta’ cà

Me so purtat a tua figlia, statt tranquill
riman verimm ce vogl parlà
chella stasera s’addorm cu’mmè r’int o liett
ca a facc astrignut pe copp a stu piett

Ripuort a casa a mia figl
pecchè si te pigl nun sacc ch cos pozz cumbinà
Tu nun può fa u nammurat appartien già a strad
megl nu pecuriell che nu sang ra gent
Scuordatell a chi so stat mò
a stu ben nun dicer no
Nun m mport nun me cchiù parlà
addò sta’ ca m’a veng a piglià

Ij me sposo cu tua figl, cu’mmè tu nun vinc
ormai è decis e nun vo’ cchiù turnà
E si essa ven cu’ttè o sap ca ra staser
s po’ scurdà e me

Quanto l’amo non può immaginà
so sincero m’à vogl spusà
stu creatur che poi nascerà
tu si o nonn e nun ce può caccià
Nun te crer nun è a verità
nun te cagn tu si chill là
a mia figl che le può dà
ch le ric a mia moglie stà cà
Tu rincell m’à vogl spusà
Scuordatell nun ce tras cà

Me so purtat a tua figlia, statt tranquill
riman verimm ce vogl parlà
chella stasera s’addorm cu’mmè r’int o liett
ca a facc astrignut pe n’copp a stu piett

Ripuort a casa a mia figl
pecchè si te pigl nun sacc che cos pozz cumbinà
Tu nun può fa u nammurat appartien già a strad
megl nu pecuriell che nu sang ra gent

Scuordatell a chi so stat mò
a stu ben nun dicer noo
Nun m mport nun me cchiù parlà
addò sta’ ca a veng a piglià

Ij me sposo cu tua figl, cu’mmè tu nun vinc
ormai è decis e nun vo’ cchiù turnà
E si essa ven cu’ttè o sap ca ra staser
s po’ scurdà e me

Scuordatell a chi so stat mò
a stu ben nun dicer noo
Nun m mport nun me cchiù parlà
addò sta’ ca a veng a piglià
Ij me sposo cu tua figl, cu’mmè tu nun vinc
ormai è decis e nun vo’ cchiù turnà
E si essa ven cu’ttè o sap ca ra staser
s po’ scurdà e me
Fai un buon viaggio di ritorno papà
e salutami mammà

 

 

 

 

 

 

 

 

Arianna

Appassionata di musica e televisione, su questo sito tratterà principalmente questi argomenti, insieme all'Oroscopo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *