Dogo Gang Bang – Don Joe: testo singolo

Don Joe, Emi Lo Zio, Vincenzo Da Via Anfossi, Caneda, Ted Bee, Montenero – Dogo Gang Bang: testo singolo

 

 

Dogo Gang Bang è un singolo di Don Joe con Emi Lo Zio, Vincenzo Da Via Anfossi, Caneda, Ted Bee, Montenero contenuto nell’album Milano Soprano.

Di seguito trovate il testo del singolo:

Leggi anche —> MILANO SOPRANO – Don Joe: testi di tutti i singoli dell’album

testo

[Intro: Emi Lo Zio]
Sono Emi Lo Zio, Dogo Gang
Una domanda: ma tutta questa strada che vedo sui social?
Ma vai a cagare
Quando hai finito di giocare fammi uno squillo, va
(Do-Do-Do-Do-Don Joe)

[Strofa 1: Caneda]
Ehi, ah
Io medio panca senza pass
Con il passa’ entro in banca
Io in campo, tu in panca
La tua tipa con te santa, con me salta
Tu coca, io Fanta
Tu indietro, anni ’80
Tu cowboy, io Tatanka
Io no canta, io ti attacca
Tu ha il patacca, maddafucka
La tua banda, che [?]
La tua giacca sembra cacca, testa matta
La tua troppa roba sciatta
Porta Nuova, porca troia
Gente fatta, neanche mi vedi, cataratta
Siete gessi, arte astratta
Sposo [?] ciabatta
Rapino [?], puzzi di nafta’, vinco il BAFTA
Tu al lastra, io salto con l’asta
Mangio pasta, fumo rasta, anzi casta
Io canasta, la Maionchi casca nella vasca
Schiaffi a Cannavacciuolo in faccia con il colapasta

[Strofa 2: Ted Bee]
La mia gang ha fatto scuola, ma in giro ha pessimi allievi
Chiaro che la gente aspetta una reunion stile Oasis
Vedo tanti volti nuovi, tutti quanti nostri cloni
Fra’, con noi il rap è cambiato come il mondo dopo il COVID
Dagli anni ’70, la bomba e la banca
Gli anni ’90, [?], gli zanza, fanculo ai carramba
Milano, ‘sta banda suonerà per sempre come Nanni Svampa
Sul palco salivamo in venti tipo Wu-Tang Clan
I nostri livе sembravan sala due del Numbеr One
Me lo chiedono sempre, ma ancora non lo sopporto
Perché ti chiami Ted Bundy? Io manco me lo ricordo
Se i miei concerti non riempiono i palazzetti
Vengono a vedermi in venti, sì, ma tutti maggiorenni
E tutti coi precedenti e le armi contundenti
Ai vostri fan li aspettan fuori i genitori
Giro con più fresca in tasca di quella che ha un benzinaio
Chiudo bocche, ‘sta traccia con due colpi di mortaio

[Strofa 3: Vincenzo da Via Anfossi]
Non dormo mai perché la vita è un inferno
E ogni volta che dormo mi sveglio più vecchio di un giorno
Guardo solo chi ho intorno, Dogo Gang
Se vendo nella piazza, la tua piazza diventa un brand
Chiamami Clarence Benz, dietro ho l’OCP
Oro, coca e tuta nella promo della street
‘Sti rapper trenta secondi sul beat e si fanno uomini
[?] ti ho fatto adottare, ho pochi spiccioli
Ho la media di una tipa a settimana, sono già a 2K
Quella tipa vacca, era meglio se facevi il pappa
La sera te la passi con gli amici a Call of Duty
Io le guerre le ho fatte davvero, muti
È sapere di non sapere che mi ha reso affamato
Sulla schiena ho tatuato le sette stelle di Hokuto
Il mio guadagno l’ho pisciato perché il mondo va vissuto
Imputato, scarcerato, fuori e dentro sempre col sorriso

[Strofa 4: Montenero]
Milano icon, testa iron tipo cyborg
Con l’entourage più laido, venti K nello zaino
A questo scemo ho detto: “Non postare”
Che qua di infami è pieno, è attimo con la Postale
Chili di fighter sulle bici di ‘sti bikers
Da dietro Buenos Aires sfornello con il Pyrex
Monolocale con due escort, tariffe a ore
Ci vanno i fra’ appena escon da San Vittore
Culi e gossip da ventenne che mi intasano i DM
Intanto mento ad un PM e poi ne esco indenne
Ah, mando dei soldi ad un mio frate’ che ha la tipa incinta
Manco ci avessi messo io la minchia
Ah, tagli da dieci come fossi un clocker
Ah, tu parli parli come fossi un blogger
Ah, le orecchie basse, fra’, mi sembri un Cocker
È il ritorno della gang, butta quelle strofe

 

 

 

 

 

 

 

 

Arianna

Appassionata di musica e televisione, su questo sito tratterà principalmente questi argomenti, insieme all'Oroscopo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *