Aventura – Brindo Con Agua: traduzione e testo canzone

Brindo Con Agua – Aventura: traduzione e testo canzone

 

Brindo Con Agua è una canzone degli Aventura.

di seguito trovate il testo e la traduzione della canzone:

testo

Oye primo mío, gracias por escuchar
todos los problemas que al fin yo he creado,
por estar de machista, mi mujer me ha dejado,
y ahogado en el licor, sin sentido, como un loco
por el romo y las dudas que me envuelven poco a poco, y mi familia he destrozado.

Siempre cuando bebo me creo superman
y quiero que en mi casa todo se haga a mi manera,
yo llegué bien borracho una noche cualquiera,
y delante de mis hijos agarré a mi mujer,
contra el piso la tiré y con temor me gritaba
que a ella no le pegara,
y ahí mi mano levanté.

Pero no, no me quiero ni recordar,
de aquella noche cuando me atreví a pecar,
y a mis niños el ejemplo que les daba,
cuan cobarde y sin clemencia
yo a su madre maltrataba.

Me arrepiento y perdón le pido a Dios,
soy causante de mis actos y de mi error,
quedé solo y cómo borro esas palabras?
Papi oye, porqué le pegas, si ella a ti no te ha hecho nada?

Another night, another problem, cómo vas a permitir que ese whisky por tus venas te afecte así?
There’s no denying que el dilema es la botella
The kids are crying, dime, qué dirán de ti?
Your wifey loves you, no te pone una querella
Y en tus manos una noche va a morir.

Primo mío me avergüenzo,
Brindo con agua por mi condena.

traduzione

Ehi cugino mio, grazie per l’ascolto
tutti i problemi che alla fine ho creato,
Per essere sessista, mia moglie mi ha lasciato,
e annegato nel liquore, privo di sensi, come un pazzo
a causa della schiettezza e dei dubbi che a poco a poco mi circondano e ho distrutto la mia famiglia.

Penso sempre di essere Superman quando bevo
e voglio che in casa mia tutto sia fatto a modo mio,
Una notte sono arrivato molto ubriaco,
e davanti ai miei figli ho afferrato mia moglie,
L’ho lanciata contro il pavimento e lei, spaventata, mi ha urlato contro.
che non l’avrebbe picchiata,
e lì ho alzato la mano.

Ma no, non voglio nemmeno ricordare,
di quella notte in cui osai peccare,
e ai miei figli l’esempio che ho dato loro,
quanto vile e senza pietà
Ho maltrattato sua madre.

Mi pento e chiedo perdono a Dio,
Io sono la causa delle mie azioni e del mio errore,
Sono rimasto solo e come posso cancellare quelle parole?
Papà, ehi, perché la picchi se non ti ha fatto niente?

Un’altra notte, un altro problema, come farai a lasciare che il whisky che hai nelle vene ti influenzi in questo modo?
Non si può negare che il dilemma sia la bottiglia
I bambini piangono, dimmi, cosa diranno di te?
Tua moglie ti ama, non sporge denuncia contro di te
E tra le tue mani una notte morirà.

Cugino mio, mi vergogno
Brindo alla mia frase con l’acqua.

 

 

 

 

 

 

Arianna

Appassionata di musica e televisione, su questo sito tratterà principalmente questi argomenti, insieme all'Oroscopo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *