Suegra – Romeo Santos: traduzione e testo

Romeo Santos – Suegra: traduzione e testo canzone

 

 

Suegra è una canzone di Romeo Santos contenuto nell’album Formula, Vol. 3.

Di seguito trovate il testo e la traduzione della canzone:

Leggi anche —> Formula, Vol. 3 – Romeo Santos: Testo e traduzione di tutte le canzoni canzoni dell’album

testo

Compadre, Romeo
Dígame que usted va a hacer con esa suegra suya
Bueno, esto no se sabe dónde vayas a parar
¡Mami!
Romeo Santos contigo

Descubrí nuestro problema
No fue efecto de cuarentena
Era tu maldita madre de metiche y bochinchera
De metiche y bochinchera

Yo que fui tan bondadoso
Le abrí las puertas de mi hogar
Pero si yo me descuido, te hace ponerme el divorcio
Tú me pones el divorcio

Y no me digas “Mamá te quiere”
Porque tiene un doctorado en joderme
Es evidente, tu corazón me gané
Y la bendita bruja no quiere vernos feliz

En su cumpleaños le voy hacer un regalo
Un buen cafecito, pero envenenado
Cuando se desmaye, la monto en mi carro
Y de una barranca pa’ abajo se la lleve el diablo

Y no me digas “Mamá te quiere”
Porque tiene un doctorado en joderme
Es evidente, tu corazón yo gané
Y la bendita bruja no quiere vernos feliz

En su cumpleaños le voy hacer un regalo
Un buen cafecito, pero envenenado
Cuando se desmaye, la monto en mi carro
Y de una barranca pa’ abajo se la lleve el diablo

Ahí está sonando una guitarra de bajos recursos, pero muchas ambiciones
¡Suena, Martire’!


En medio de este revolú
Mi amor, yo a ti te compadezco
Pero tengo fundamento pa’ enfrentar a tu mamá

Y su maleficio terminar
Y como la vieja no se va
Mi plan lo tengo que tramar
Viene

En su cumpleaños le voy hacer un regalo
Un buen cafecito, pero envenenado
Cuando se desmaye, la monto en mi carro
Y de una barranca pa’ abajo se la lleve el diablo

traduzione

Amico, Romeo
Dimmi cosa farai con quella tua suocera
Bene, questo non si sa dove ti fermerai
Mammina!
Romeo Santos con te

Ho scoperto il nostro problema
Non era effetto quarantena
Era la tua dannata madre ficcanaso e bochinchera
Di ficcanaso e bochinchera

Sono stato così gentile
Ho aperto le porte di casa mia
Ma se sono negligente, ti fa chiedere il divorzio
mi hai messo il divorzio

E non dirmi “la mamma ti ama”
Perché ha un dottorato di ricerca in me
È evidente, il tuo cuore l’ho vinto
E la strega benedetta non vuole vederci felici

Per il suo compleanno gli farò un regalo
Un buon caffè, ma avvelenato
Quando sviene, la guido in macchina
E da un burrone fino in fondo il diavolo la porta

E non dirmi “la mamma ti ama”
Perché ha un dottorato di ricerca in me
È evidente, il tuo cuore l’ho vinto
E la strega benedetta non vuole vederci felici

Per il suo compleanno gli farò un regalo
Un buon caffè, ma avvelenato
Quando sviene, la guido in macchina
E da un burrone fino in fondo il diavolo la porta

C’è suonare una chitarra di poche risorse, ma di tante ambizioni
Suona, Martire’!

Voi
Nel mezzo di questa rivoluzione
Amore mio, ho pietà di te
Ma ho le basi per affrontare tua madre

E la tua maledizione finirà
E siccome il vecchio non se ne va
Devo escogitare il mio piano
Viene

Amico, Romeo
Dimmi cosa farai con quella tua suocera
Bene, questo non si sa dove ti fermerai
Mammina!
Romeo Santos con te

Ho scoperto il nostro problema
Non era effetto quarantena
Era la tua dannata madre ficcanaso e bochinchera
Di ficcanaso e bochinchera

Sono stato così gentile
Ho aperto le porte di casa mia
Ma se sono negligente, ti fa chiedere il divorzio
mi hai messo il divorzio

E non dirmi “la mamma ti ama”
Perché ha un dottorato di ricerca in me
È evidente, il tuo cuore l’ho vinto
E la strega benedetta non vuole vederci felici

Per il suo compleanno gli farò un regalo
Un buon caffè, ma avvelenato
Quando sviene, la guido in macchina
E da un burrone fino in fondo il diavolo la porta

E non dirmi “la mamma ti ama”
Perché ha un dottorato di ricerca in me
È evidente, il tuo cuore l’ho vinto
E la strega benedetta non vuole vederci felici

Per il suo compleanno gli farò un regalo
Un buon caffè, ma avvelenato
Quando sviene, la guido in macchina
E da un burrone fino in fondo il diavolo la porta

C’è suonare una chitarra di poche risorse, ma di tante ambizioni
Suona, Martire’!

Voi
Nel mezzo di questa rivoluzione
Amore mio, ho pietà di te
Ma ho le basi per affrontare tua madre

E la tua maledizione finirà
E siccome il vecchio non se ne va
Devo escogitare il mio piano
Viene

Per il suo compleanno gli farò un regalo
Un buon caffè, ma avvelenato
Quando sviene, la guido in macchina
E da un burrone fino in fondo il diavolo la porta

 

 

 

 

 

 

 

 

Arianna

Appassionata di musica e televisione, su questo sito tratterà principalmente questi argomenti, insieme all'Oroscopo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *